Masterclass fotografia cinematografica (on demand dal 29 Maggio 2021)

Back To Shop

Masterclass fotografia cinematografica (on demand dal 29 Maggio 2021)

39,00

Da tempo presidente della storica associazione di categoria Autori Italiani Cinematografia (AIC), Daniele Nannuzzi è uno dei più importanti direttori della fotografia del momento, vincitore di un David di Donatello e di un Globo d’Oro e nominato agli Emmy. Figlio del leggendario cinematographer Armando, Nannuzzi ha esordito collaborando con il padre ed altri maestri della fotografia del passato, facendo da operatore di macchina o dop di seconda unità capolavori come “Ludwig” di Luchino Visconti, “Al di là del bene e il male” di Liliana Cavani, “Amityville Possession” di Damiano Damiani, “Brivido” di Stephen King e “Gesù di Nazareth” e “Il tè con Mussolini” di Franco Zeffirelli, curando per questi ultimi due titoli anche la regia della seconda unità. Negli anni ottanta diventa direttore della fotografia firma la cinematografia di “Santa Sangre” di Alejandro Jodorowsky, “Cavalleria Rusticana” e “Il giovane Toscanini” di Zeffirelli, “Senso ’45” di Tinto Brass, “El Alamein – La linea del fuoco” di Enzo Monteleone, uno dei primi film di Pierfrancesco Favino. Nel corso della masterclass il maestro Nannuzzi mostrerà numerosi esempi tratti dalla sua ricca filmografia, differenziando tra i lavori in pellicola e i più recenti film in digitale per dimostrare che non c’è differenza di illuminazione ma solo un utilizzo appropriato delle nuove tecnologie: affronterà poi le più quotate tecniche di illuminazione, analizzando nel dettaglio alcune scene dei film più noti suoi e del padre Armando, andando poi a parlare del ruolo dell’AIC e della questione dell’autorialità del direttore della fotografia.

AL TERMINE DELLA MASTERCLASS VERRA’ RILASCIATO UN ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE.

COD: cinema-fotografia-cinematografica-on-demand Categoria:

Descrizione

NANNUZZI: SCRIVERE CON LA LUCE

Da tempo presidente della storica associazione di categoria Autori Italiani Cinematografia (AIC), Daniele Nannuzzi è uno dei più importanti direttori della fotografia del momento, vincitore di un David di Donatello e di un Globo d’Oro e nominato agli Emmy. Figlio del leggendario cinematographer Armando, Nannuzzi ha esordito collaborando con il padre ed altri maestri della fotografia del passato, facendo da operatore di macchina o dop di seconda unità capolavori come “Ludwig” di Luchino Visconti, “Al di là del bene e il male” di Liliana Cavani, “Amityville Possession” di Damiano Damiani, “Brivido” di Stephen King e “Gesù di Nazareth” e “Il tè con Mussolini” di Franco Zeffirelli, curando per questi ultimi due titoli anche la regia della seconda unità. Negli anni ottanta diventa direttore della fotografia firma la cinematografia di “Santa Sangre” di Alejandro Jodorowsky, “Cavalleria Rusticana” e “Il giovane Toscanini” di Zeffirelli, “Senso ’45” di Tinto Brass, “El Alamein – La linea del fuoco” di Enzo Monteleone, uno dei primi film di Pierfrancesco Favino. Nel corso della masterclass il maestro Nannuzzi mostrerà numerosi esempi tratti dalla sua ricca filmografia, differenziando tra i lavori in pellicola e i più recenti film in digitale per dimostrare che non c’è differenza di illuminazione ma solo un utilizzo appropriato delle nuove tecnologie: affronterà poi le più quotate tecniche di illuminazione, analizzando nel dettaglio alcune scene dei film più noti suoi e del padre Armando, andando poi a parlare del ruolo dell’AIC e della questione dell’autorialità del direttore della fotografia.

AL TERMINE DELLA MASTERCLASS VERRA’ RILASCIATO UN ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE.

(Visto 24 volte, 1 oggi)